GRAZIE EMILIO, AMICO DEGLI ANIMALI


Da paladino degli animali è stato facile dedicarti ANIMALI IN FAMIGLIA (E FUORI) una guida su: i diritti, i doveri, le tutele e le responsabilità dei nostri amici animali.

Il tuo impegno, la tua dedizione, ma anche il tuo carisma, la tua energia e la tua vigorosa stretta di mano corrono ancora tra le pagine di questo libro, come nelle raccolte fondi a favore degli animali intitolate a tuo nome e nelle attività di numerose associazione animaliste che si prodigano, come facevi tu.

 

 

La storia di EMILIO NESSI

Bergamo 1949 Milano 2009

Giornalista Pubblicista dal 17 novembre 1980, ha scritto su testate della carta stampata come il Corriere della Sera e Famiglia Cristiana.

In seguito ha collaborato con numerosi programmi televisivi come Ci vediamo su Rai 1 e Ci vediamo in tv come ospite fisso di Paolo Limiti.

I suoi servizi sono stati mandati andati in onda da molti telegiornali, come il TG2 e TG La7, conducendo l’appuntamento Io amo gli animali su RAI2.

Nel 1993 ha scritto Palla di neve, la storia di un beluga, portato nel 1995 sul grande schermo dal regista Maurizio Nichetti. Nel 2000 ha pubblicato Theo il dono degli dei, storia vera di un salvataggio di un cucciolo di foca da parte di una bambina greca, corredata da una documentazione fotografica della Clinica delle Foche di Pieterburen, il cui ricavato è destinato al Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela dei cani. Nel 2004 ha pubblicato L’Arca di Nessi, in cui racconta storie di salvataggi di animali, e ne ha ceduto i diritti di utilizzazione economica alla Lega Italiana Protezione Uccelli. Da Wikipedia.org

 

I LIBRI

 

 

IL FILM

Mentre Billy Bolla, un anziano attore ingaggiato come intrattenitore su una nave da crociera, fa amicizia con un bambino, Theo, il quale sta tornando dal collegio a casa nella sua isola natale con la madre Melina, un delfino bianco, addestrato dalla bella Helena nell’acquario del crudele Marcov e fuggito grazie ad un fulmine che ha aperto la saracinesca, segue la nave mangiando gli avanzi di pesce. Frattanto, preoccupato per il libretto della pensione, Billy lo mette in una bottiglia, ma questa gli cade in mare e viene inghiottita dal cetaceo. Giunta la nave all’isola Santorini, Billy, deciso a recuperare la bottiglia, utilizza i servigi di Sidik, un curioso faccendiere turistico locale, mentre Melina torna a svolgere la sua attività di cameriera da Marcov. Questi, saputo che il delfino, che i ragazzini dell’isola nutrono, ha preso in simpatia Billy (il quale, caduto in acqua, è stato da lui soccorso), si mette d’accordo con l’attore perché faccia da esca e riesce a catturare l’animale, che in realtà gli serve come kamikaze per far esplodere la nave da crociera, provocare un incidente e una guerra con conseguente traffico d’armi (la sua attività nascosta ma principale). Ma Theo, Melina e i ragazzini convincono Billy a fermarsi per liberare il delfino soprannominato Palla di Neve. Preso il pulmino di Sidik, e trasformatolo in vasca per contenere il delfino, Billy e Theo, dopo essere stati imprigionati dagli uomini di Marcov, scappano e vedono fissare la bomba sul dorso di Palla di Neve. Catturati nuovamente, Theo e Billy vengono liberati da Helena, mentre Palla di Neve si dirige verso l’obiettivo. Inseguitolo con il motoscafo di Marcov, che li insegue a sua volta, Billy si tuffa e libera della bomba il cetaceo, che con un colpo di naso la manda a cadere sul motoscafo, dove si trova Marcov, che esplode. Billy decide di partire, ma l’affezionato delfino espellendo la bottiglia contenente il libretto della pensione colpisce l’uomo alla testa e costui cade dalla nave in acqua. Portato sull’isola ancora una volta, Billy si commuove e decide di rimanere per sempre. Da Cinematografo.it
CAST
Attori:
 - Billy Bolla,

Theo,

Marcov,

-Sidik,

Melina,

Elena,

Soggetto: Emilio Nessi
Sceneggiatura: Gianni RomoliStefano SudrièMaurizio NichettiCiro Ippolito
Fotografia: Cristiano Pogány
Musiche: Carlo Siliotto
Montaggio: Rita Rossi
Scenografia: Lorenzo Baraldi
Effetti: Jason McCameron

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>