Informazioni per vivere il presente

DATORE RESPONSABILE SE NON (IN)FORMA SUI RISCHI

DATORE RESPONSABILE SE NON (IN)FORMA SUI RISCHI. Lo ribadisce la recente ordinanza n. 8988 emessa dalla Corte di Cassazione il 15 maggio 2020. Una summa che nel solco degli orientamenti giurisprudenziali ormai consolidati in tema di infortuni sul lavoro, riassume schematicamente i criteri da utilizzare per la ripartizione delle responsabilità. Laddove il datore di lavoro, al fine di “scagionarsi”, attribuisca al lavoratore la colpa esclusiva o concorrente nella causazione dell’indicente di cui è rimasto vittima.

Clicca il pulsante che preferisci per condividere l’articolo sui Social Network

La Suprema Corte ha proposto la propria lettura dell’art. 1227 c.c. in materia di rapporto di lavoro subordinato, alla luce delle norme che attribuiscono al datore di lavoro il potere di direzione e controllo ed il dovere di salvaguardare l’incolumità dei lavoratori.


Gli Ermellini hanno, dunque, distillato i seguenti principi di diritto:

«Nel caso di infortunio sul lavoro, deve escludersi la sussistenza di un concorso di colpa della vittima, ai sensi dell’art 1227, comma 1, c.c., quando:

  • risulti che il datore di lavoro abbia mancato di adottare le prescritte misure di sicurezza;
  • oppure abbia egli stesso impartito l’ordine, nell’esecuzione puntuale del quale si sia verificato l’infortunio;
  • o ancora abbia trascurato di fornire al lavoratore infortunato una adeguata formazione ed informazione sui rischi lavorativi, ricorrendo, in tali ipotesi, l’eventuale condotta imprudente della vittima degrada a mera occasione dell’infortunio, ed è perciò giuridicamente irrilevante».
Criteri per individuare la responsabilità esclusiva del datore

Partendo da tale presupposto, la Corte di Cassazione ha tratto il corollario in base al quale, anche quando la condotta della vittima di un infortunio sul lavoro possa astrattamente qualificarsi come imprudente, debba escludersi qualsiasi concorso di colpa a carico del danneggiato se l’infortunio:

  • è stato causato dalla puntuale esecuzione di ordini datoriali;
  • è insito all’organizzazione stessa del ciclo lavorativo, impostata con modalità contrarie alle norme finalizzate alla prevenzione degli infortuni, o comunque contraria ad elementari regole di prudenza;
  • è avvenuto a causa di una mancanza di formazione od informazione del lavoratore, ascrivibile al datore di lavoro. Quindi, il datore è responsabile se non (in)forma sui rischi il lavoratore.

Mentre nei primi due casi non può esservi dubbio alcuno in merito all’esclusiva responsabilità del datore di lavoro, che avrebbe di fatto messo in pericolo il lavoratore, nel terzo caso, ossia nell’ipotesi in cui il lavoratore abbia creato la situazione di pericolo di cui è rimasto vittima, è necessario chiarire quale sia l’ampiezza delle conoscenze (formazione informazione) che il datore di lavoro è obbligato a trasmettere al lavoratore per assolvere l’obbligo che la legge pone a suo carico.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU ASSINEWS

In collaborazione con l’Avv. Schiavone del foro di Milano

Sul tema infortuni sul lavoro e responsabilità del datore di lavoro, nel particolare e attualissimo caso di contagio da Covid-19 in azienda, partecipa al Seminario on line organizzato da ASSINEWS, MF-Milano Finanza e Italia Oggi, “La responsabilità del datore di lavoro per i danni da contagio e la tutela di chi si ammala“, che si terrà l’11 giugno 2020.

Per rimanere aggiornato sulle nuove truffe & inganni visita il sito

Per tutelare i tuoi diritti economici consulta la pagina dedicata che puoi seguire anche su




loading…


Assinews