Informazioni per vivere il presente

SPESE CTU DEVONO ESSERE STABILITE IN SENTENZA

SPESE CTU DEVONO ESSERE STABILITE IN SENTENZA. Lo ha confermato la sentenza n. 10804 emessa il 5 giugno 2020, dalla terza sezione civile della Corte di Cassazione, precisando che non è colmabile in via interpretativa l’omessa liquidazione in sentenza delle spese del CTU
Clicca il pulsante che preferisci per condividere l’articolo sui Social Network

«E’ affetta dal vizio di omessa pronuncia la sentenza d’appello che, accogliendo il gravame e accollando le spese di lite alla parte soccombente, taccia sulla sorte delle spese della consulenza tecnica d’ufficio eseguita nel primo grado di giudizio, a nulla rilevando che tali spese abbiano già formato oggetto di liquidazione con decreto motivato, ex art. 168 d.p.r. 115/02».

Con queste parole gli Ermellini hanno fatto chiarezza su un aspetto, quello della natura, della liquidazione e della ripartizione delle spese di CTU, che spesso in passato ha creato incertezze, autorizzando interpretazioni in ordine all’attribuzione dell’onere del pagamento delle spese di CTU che, a ben vedere, non hanno fondamento.

Nel silenzio della sentenza dei Giudici di merito, infatti, sia la soluzione di ripartire definitivamente le spese di CTU in base al decreto di liquidazione…

CLICCA SULL’IMMAGINE PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU ASSINEWS

 

In collaborazione con l’Avv. Schiavone del foro di Milano

Per rimanere aggiornato sulle nuove truffe & inganni visita il sito

Per tutelare i tuoi diritti economici consulta la pagina dedicata che puoi seguire anche su

 




loading…


Assinews